Dalla paura dell’epidemia all’epidemia di paura

Ebbene sì, ci sono cascato anche io. Questa è la mia prima esperienza webinar, maturata come tante altre in questo periodo di forzata clausura. Tutto era partito dall’approfondimento di un argomento molto specifico, la gestione dell’ansia come stress che si nutre di un timore, neanche tanto nascosto, nei riguardi di un nemico subdolo e invisibile. Poi, come spesso mi capita, da cosa nasce cosa, il tempo a disposizione inusualmente dilatato mi ha preso la mano e la chiacchierata si è allargata a temi più ampi: la gestione dell’ansia (della quale comunque si parla come strategia terapeutica integrata) alla fine è diventata la scusa per esplorare i razionali solidi e condivisibili che ci permettono di utilizzare la Medicina Integrata con i nostri pazienti. Questa volta giochiamo di anticipo! Non nascondiamocelo, in questo periodo i nostri detrattori sono “distratti” da questa pandemia, ma vedrete che non appena i tempi diventeranno più tranquilli torneremo a sentire e leggere le solite esternazioni approssimative e sgangherate che solo i maestri di incompetenza che ben conosciamo sono capaci di generare per due soldi di visibilità. Solo che questa volta voi vi ricorderete di questa chiacchierata che ci siamo fatti in tempi di “domiciliari” e avrete la soddisfazione finalmente di mettere in luce l’infondatezza di questi attacchi in modo approfondito e circostanziato, dimostrando ancora una volta che chi è in grado di maneggiare la Medicina Integrata ha una cassetta degli attrezzi enormemente più ampia e maneggevole e, cosa più importante, è assolutamente autorizzato ad utilizzarla. In conclusione, permettetemi un sincero ringraziamento a Roberta e Alessandro della Vanda Omeopatici che mi hanno permesso di irrompere nel web e, di conseguenza, nei vostri dispositivi.

Gino Santini

Gino Santini
About Gino Santini 69 Articles
Direttore dell'Istituto di Studi di Medicina Omeopatica di Roma. Segretario Nazionale SIOMI. Giornalista pubblicista. Appassionato studioso di costituzioni e del genere umano.

Be the first to comment

Leave a Reply